Las letras de la canción Ma si t´a vo´ scurdà (1990)

(Paolo Conte)
Oggi non ho voglia di patate
ogni sfizio non c’è più, ogni sfizio non c’è più…
tanto per gradire, qualche briciola…
ma lo sfizio non c’è più, ma lo sfizio non c’è più…

Mangiar dovresti, ammazza stu penziere,
carne arrosto e' caribù, carne arrosto e' caribù…
va ’bbuono nu bicchiere e' vino niro?…
è per non penzarci più, è per non penzarci cchiù…

Ma si t’a vo’scurda’, a ‘mmare jettate,
libero pensatore, lassa ffa’…
Quell’odalisca tua, sorrisi e frottole,
miezz’e’damaschi e sete lassa sta’…

nuotando rapido con occhio critico
guardala suspira’ questa città…
Sinno’ c’arritruvamme a’ccapo e’ ddodici:
nun te la sai scurda’, e nun t'a scuorde cchiù
nun te la sai scurda’, e nun t'a scuorde cchiù…

Chilla tiene e’ sguarde trasugnate
fa l’indiana, o su per giù, fa l’indiana, o su per giù…
A niente pienza, e ciò è ineducato,
non è indizio di virtù, non è indizio di virtù…

Potremmo definirla una smargiassa,
sì, ma tientelo per te, sì, ma tientelo per te…
Ma forse è appropriato dire catastrofe,
giusto, giusto, sient’ a ‘mmè, giusto, giusto, sient’ a ’mmè…

Giocando a bridge, ti vedo errante…
distrattamente ti muovi tu…
neh, si t’a vo’ scurdà “parole e ’mmusica”
a ’mmare jettate, nunne parlamme ‘cchiù
a ’mmare jettate, nunne parlamme ‘cchiù…!

Versiones oficiales

Parole d'amore scritte a macchina (Album, 1990)
Posición: 10
Duración: 3:30