Le texte de la chanson Sandwich Man (2004)

(Paolo Conte)
Se mi dici che tu mi ami
non ci credo però,
è un peccato se non mi ami,
questo almeno lo so.

Sandwich man, sandwich man
cartellone di cinema
che passeggia per la città
sandwich man.

Sono io, sono io
caricato di immagini
che mi dan le vertigini,
sono io.

Sento la mia vita che sta diventando un film.
Sì, ma l'ho già visto e non mi piace questo film...

C'era musica e pianto e lui diceva: "è colpa mia"
c'era sogno e possesso e lei diceva: "è colpa tua"
Voglio gli indiani, non voglio l'amor!

che peccato che non mi ami,
che peccato però...

Ha parlato lui prima e adesso le parla per due.
"Io non sono una cima"...forse sì, parole sue....
Voglio gli indiani, non voglio l'amor!

che peccato che non mi ami,
che peccato però...

Stanno lì mani nelle mani,
senza dire di no
Parli tu, parlo io.
Trascinando per la città.
Le parole del cinema
Parlo io.

Parla tu, parla tu...
Tanto io mi nascondo qui,
in un sandwich della reclame.
Parlo io.

La domanda è rosso fuoco e la risposta è blu.
La domanda è rosso fuoco e la risposta è blu.

Sandwich man, sandwich man,
sandwich man, sandwich man.

Versions officielles

Elegia (Album, 2004)
Position dans le disque: 2
Durée: 3:10

Arena di Verona (Album, 2005)
Position dans le disque: 8
Durée: 3:10
Version: Live