Le texte de la chanson Uomo Camion (1979)

(Paolo Conte)
I segni delle mie fatiche e dei riguardi
per la pietà domata in fondo a certi sguardi
e i segni, amari, dei piaceri sopportati
tiepide docce li hanno lavati e cancellati

per restituirmi ad una,
ad una razza triste
cui s´appartiene e lo si sa:
siamo nudi e soli…

Ma un uomo-camion vive ancora in me
e ancora mille strade ti aprirà
in questo oceano di attimi sarà
qui per te, qui per te.

Un uomo-camion che ti porterà
tra notti e ghiacci ti dondolerà
e la sua radiolina suonerà
qui per te - e - e - e - e - e -

E da quei viaggi avrai
una ruga in più, ma anche un po’ di sole…
da, da, da, da, da
e la sua radiolina suonerà
qui per te, qui per te
puoi fargli compagnia se lo vuoi…

Versions officielles

Un gelato al limon (Album, 1979)
Position dans le disque: 9
Durée: 3:36

Paolo Conte al Cinema (Album, 1990)
Position dans le disque: 6
Durée: 3:21
Version: Strumentale