Le texte de la chanson Colleghi trascurati (1990)

(Paolo Conte)
Forse a quest’ora i colleghi scordati li ho già,
chiusi nella toilette…
a farsi belli, ma che follia…
ah delirio, agguato di nostalgia…

la più malinconica seta io affronterò
con le mani più allegre che avrò
per raccontare a chi non lo sa, eh, eh…
quel che è soltanto normalità…

Ma, se capita, chissà, se capita,
un po’ di giungla anche per me…
e loro ascoltano…? Chissà
se ridono… e se capiscono il perché…?
cuochi ambulanti soffriggono musica
la-la, la-la-la-la-la-la…

Bambola avvolta nel tulle, già messa via…
di tanti bei sogni la musa…
ghibli che soffia dietro a una porta chiusa…
ah, mi sento fradicio di magia…

ma forse a quest’ora siam già fuori orario, però…
un pediluvio mi farò…

Ma, se capita, chissà, se capita,
un po’ di classe anche per me…
ho qui un bel talco da miliardario…
la-la, la-la-la-la-la-la…
ho qui un bel talco da miliardario…
la-la, la-la-la-la-la-la…

Versions officielles

Parole d'amore scritte a macchina (Album, 1990)
Position dans le disque: 2
Durée: 3:40
Même version aussi en:
  • The Best of Paolo Conte (Album, 1996 - #13)

    Tournée (Album, 1993)
    Position dans le disque: 4
    Durée: 3:32
    Version: Live