Il testo della canzone Gratis (1987)

(Paolo Conte)
Ah, che meraviglia, sembra di essere a Marsiglia
C’è un enorme parapiglia
Che ricorda la quadriglia…
Qualcuno, Fantomas,
Vestito da cane,
Si aggira su e giù…
Qualcosa rimane…
C’è solo più il vento
Che legge il giornale,
Di colpo verrà
Domani verrà…

Gratis, le nuove novità,
Gratis, le nuove nudità…
C’è ancora da ridere
Nell’intimità,
C’è ancora da fingere,
Ah, che delirio, che scomodità…
Gratis, con che facilità,
Prima, durante, dopo? Ma?
C’è ancora da leggere
Due passi più in là
A gratis, e nessuno lo sa…

Via da questa mischia,
C’è qualcuno che cincischia…
Ma la storia se ne infischia…
Spiacente, scusami,
Non posso venire
Da questa città
Mi lascio irretire,
Marsiglia è Marsiglia,
E gratis sarà
La sua infedeltà…

Gratis, la gente arriverà,
Gratis, le nuove nudità…
C’è ancora da leggere
Due passi più in là
A gratis, e nessuno lo sa…

versione dal musical Varietà in varie età Gratis, la gente arriverà
Gratis, e tutto porterà
Rumori di donne
Discorsi di bar
Sospiri di gonne
E di delirio, di felicità

Gratis, la gente capirà
Gratis, e si divertirà
C’è sempre da ridere
Se c’è un varietà
È gratis!
Nessuno lo sa.

Versioni ufficiali

Aguaplano (Album, 1987)
Posizione: 19
Durata: 3:22

Paolo Conte al Cinema (Album, 1990)
Posizione: 11
Durata: 2:26
Versione: Corale