Il testo della canzone Messico e Nuvole (1968)

(Paolo Conte, Vito Pallavicini, Michele Virano)
Lei è bella, lo so
è passato del tempo e io
ce l’ho nel sangue ancor…
e vorrei e vorrei
ritornare laggiù da lei,
ma so che non andrò
questi son sentimenti di contrabbando
meglio star qui seduto
guardare il cielo davanti a me…

Messico e nuvole,
la faccia triste dell’America
e il vento suona la sua armonica
che voglia di piangere ho…

Messico e nuvole,
la faccia triste dell’America
e il vento suona la sua armonica
che voglia di piangere ho…

Intorno a lei, intorno a lei
una chitarra risuonerà
per tanto tempo ancor…
è il mio amore per lei
che i suoi passi accompagnerà
nel bene e nel dolor…
sì ma sono sentimenti di contrabbando
tutto si può inventare
ma un matrimonio non si può più…

Messico e nuvole…
la faccia triste dell’America
e il vento suona la sua armonica
che voglia di piangere ho…

Messico e nuvole…
la faccia triste dell’America
e il vento suona la sua armonica
che voglia di ridere ho…

Chi lo sa come fa
quella gente che va fin là
a pronunciare un sì, ma…
mentre sa che è già
provvisorio l’amore che
c’è, si, ma forse no…
queste son situazioni di contrabbando
meglio star qui seduto
guardare il cielo davanti a me…

Messico e nuvole…
la faccia triste dell’America
e il vento suona la sua armonica
che voglia di piangere ho…

Messico e nuvole…
la faccia triste dell’America
e il vento suona la sua armonica
che voglia di ridere ho…

Versioni ufficiali

Paolo Conte Live (Album, 1988)
Posizione: 9
Durata: 3:50
Versione: Live