As letras da canção Naufragio a Milano (1975)

(Paolo Conte)
Integrazione, parola amara
collocamento… miezz’o’ciemento,
orario fisso e frastuono dint’a capa
Chist’è o’paese e’rraggiuniere
ommene, fimmene, creature
tutti raggiuonano a tutte quante l’ore

Io comme puozzo raggiunà
e comme puozzo raggiunà,
si raggiuono l’uocchie chiagne fora milleciento lagreme
i m’aggi’a scurdà o’sole, i m’aggi’a scurdà o’ mare e l’acque chiare
i m’aggi’a scurdà l’erba e a’voce antica d’o’ silenzio
miezz’ o’ vico e a’caccavella e o’ putipù
E come puozzo raggiunà, comme puozzo raggiunà

Ah, stu naufragio dint’a Melano senza na varca e pure senza o’mare
e tu me dici «stasera usciamo» e dove?
Vie scanisciute e figure ignote, lampade al neon - Carmela cara,
torniamo a cuccia, oiné, ca nun è cosa -

E zitti senza raggiunà, e commo puozzo raggiunà,
si raggiuono l’uocchie chiagne fora milleciento lagreme,
nun ce resta che l’ammore, nu disperato, antico, eterno ammore,
se smorza a’ luce a’ branda cigolando int’a nuttata fridda
tutti i mali nosti fa passà… - E comme puozzo raggiunà …

E stu naufragio dint’a Melano
se chiamma un nome: Immigrazione,
immigrazione significa terrone
E poi terrone vuol dire fame
vuol dire suonno vuol dire figli
vuol dire paese volato via vuole dire nustalgia

Eh, comme puozzo raggionà, e comme puozzo raggiunà…
si raggiuono l’uocchie chiagne fora milleciento lagreme,
nun ce resta che l’ammore, nu disperato, antico, eterno ammore,
se smorza a’ luce a’ branda cigolando int’a nuttata fridda
tutti i mali nosti fa passà…
E come puozzo raggiunà, comme puozzo raggiunà

Versões oficiais

Paolo Conte (Álbun, 1975)
Posição no disco: 6
Duração: 3:28